Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Aperta al pubblico la mostra, “Sardegna Foreste: i tesori naturali di un’isola”

Esemplari impagliati della fauna (dal muflone all'avvoltoio Gipeto ad alcuni piccoli roditori) e della flora (comprese alcune delle oltre 40 specie diverse che si producono ogni anno nei vivai) del grande patrimonio forestale della Sardegna si possono ammirare da oggi in una mostra, "Sardegna foreste: i tesori naturali di un'isola", inaugurata nel pomeriggio nella Galleria Espositiva dell'Aeroporto Cagliari-Elmas.


"Siamo orgogliosi di poter contribuire, ha sottolineato il Presidente SOGAER Vincenzo Mareddu, a un'operazione di sensibilizzazione e valorizzazione dell'ambiente della nostra isola, un ambiente dove le foreste rivestono un ruolo centrale. Con questa rassegna confermiamo anche un percorso che abbiamo imboccato da tempo, visto che si tratta dell'undicesima rassegna che ospitiamo. Vogliamo, cioè, testimoniare la nostra vocazione di azienda non solo di servizio in un settore cruciale come quello dei trasporti, ma soprattutto in stretto raccordo e collegamento col territorio, proponendo a tanti visitatori che arrivano nell'isola una piccola 'vetrina' delle bellezze e opportunità della Sardegna".

La mostra, come ha spiegato il Presidente dell'Ente Foreste della Sardegna Carlo Murgia, vuole diventare una rassegna itinerante e, dopo i due mesi di apertura nella Galleria Espositiva, area partenze, il prossimo appuntamento è per la Campionaria della Fiera internazionale in programma a fine aprile.

Giorgio Orrù, Direttore Generale SOGAER, ha evidenziato che “l’Aeroporto apre le porte ancora una volta alle scuole. Infatti per visitare la rassegna si stanno già organizzando, in collaborazione con la Direzione Scolastica Regionale, visite di studenti”.

L'Ente foreste della Sardegna, che ha preso il posto dell'Azienda foreste demaniali della Regione sarda, gestisce una superficie boschiva di circa 22 mila ettari, cioé più del 60% dei boschi dell'isola e nei vivai forestali (180 corpi aziendali con circa 7 mila lavoratori) si producono annualmente 4 milioni di piantine.